martedì 21 settembre 2021

Dune

 

Non visualizzi bene la newsletter?

Aprila sul tuo browser

 

SEMINA IL VENTO

 

di Danilo Caputo — Italia, Francia, Grecia, 2020, 91 minuti, Drammatico.

Con Yile Yara Vianello, Caterina Valente, Espedito Chionna, Feliciana Sibilano

 

Giovedì 23 settembre, ore 21.30

 

Dopo 3 anni di assenza, Nica, studentessa di agronomia, torna nel suo paese in Puglia. Qui trova una situazione complessa: gli uliveti di proprietà della famiglia sono stati invasi da un parassita, il padre è pronto a qualsiasi compromesso pur di portare a casa soldi, la madre versa in una sorta di depressione a causa della mancata apertura di un negozio che avrebbe voluto gestire. Nica però non ha dimenticato i valori che la nonna le ha trasmesso e si impegna, contro tutto e tutti, per trovare una soluzione.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

 

DUNE

 

di Denis Villeneuve — USA, 2021, 155 minuti, Avventura, Drammatico, Fantascienza.

Con Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Stephen McKinley Henderson, Zendaya.

 

Continua da venerdì 24

a lunedì 27 settembre

 

Nel sistema feudale che domina l'universo nel futuro il potere è nelle mani di un imperatore sotto il quale lottano tra di loro delle importanti casate. Sul desertico pianeta Arrakis si trova la Spezia, sostanza preziosa per una varietà di motivi. Alla casata Atreides e al suo capo, il Duca Leto viene affidato il controllo del pianeta ma in realtà si sta approntando una congiura per eliminarlo. Leto ha però un figlio, Paul, il quale è dotato di particolari poteri che sta sviluppando con l'aiuto di sua madre Lady Jessica. Anche lui finisce quindi con il diventare un ostacolo da abbattere.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

SPACE JAM: NEW LEGENDS

 

di Malcolm D. Lee — USA, 2021, 115 minuti, Animazione, Avventura, Commedia.

Con LeBron James, Sonequa Martin-Green, Don Cheadle, Greice Santo, Martin Klebba.

 

Prima visione, da venerdì 24 settembre

 

Benvenuti a Space Jam! Il campione NBA e icona globale LeBron James vive un'epica avventura a fianco dell'intramontabile Bugs Bunny, nel film evento di animazione/live-action "Space Jam: New Legends", diretto da Malcolm D. Lee, con un team di filmakers innovativi come Ryan Coogler e Maverick Carter.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

Bellaria Film Festival

Presentata la 39ma edizione del Bellaria Film Festival, storico appuntamento cinematografico dedicato al documentario indipendente, in programma dal 22 al 26 settembre 2021 al Cinema Teatro Astra di Bellaria-Igea Marina (RN), con la direzione artistica del produttore teatrale, musicale e cinematografico Marcello Corvino e l’organizzazione della Cooperativa “Le Macchine Celibi”.

Il Premio alla Carriera sarà consegnato a Pupi Avati.

Premio “Una vita da film” a Silvio Orlando.

Due serate omaggio a Raffaella Carrà e Astor Piazzolla.

Confermato Moni Ovadia presidente della giuria internazionale che sceglierà i migliori film tra quelli selezionati per i due concorsi Bei Doc e Bei Young Doc, e centrati sui valori promossi dall’Articolo IX della Costituzione Italiana.

Dedicato al cinema documentario indipendente, e aperto ai fermenti più stimolanti nel panorama delle produzioni italiane e internazionali con film provenienti da tutta Europa, il Bellaria Film Festival si conferma alla sua 39ma edizione come uno dei più longevi e autorevoli appuntamenti cinematografici in Italia (nasce nel 1983 e negli anni vede tra i suoi direttori artistici Enrico Ghezzi, Morando Morandini, Gianni Volpi), rilanciato con apprezzamento di pubblico e critica dal 2018 con la nuova direzione artistica targata Corvino. È promosso e sostenuto da Regione Emilia-Romagna, Comune di Bellaria-Igea Marina e RomagnaBanca. Media partner sono TGR Rai e SKY Arte.


I PREMI DELLA 39MA EDIZIONE

Dopo Sandra Milo nella scorsa edizione, anche quest’anno il Premio alla Carriera del BFF va a un’icona del cinema italiano: il riconoscimento sarà assegnato a Pupi Avati, tra i registi che più si sono distinti per un percorso autoriale importante, dal cinema di genere a commedie dallo stile molto personale. Per l’occasione sarà proiettato Lei mi parla ancora” (2021), ultimo film del regista emiliano tratto dal romanzo autobiografico di Giuseppe Sgarbi (papà di Vittorio ed Elisabetta), girato da Avati in piena pandemia, con un sorprendente Renato Pozzetto. Sarà presente alla proiezione Vittorio Sgarbi.

Il Premio “Una vita da film” sarà invece consegnato a Silvio Orlando, tra gli interpreti più amati e rappresentativi del cinema italiano contemporaneo sul piccolo e grande schermo, grazie a una recitazione sempre misurata e apprezzata, vincitore della Coppa Volpi alla 65ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia proprio per un film di Avati, Il papà di Giovanna (2008), che verrà proiettato dopo la consegna del Premio il 22 settembre al Cinema Teatro Astra di Bellaria.

Tra i premi del Festival anche la Menzione Speciale “Pari Opportunità” per il documentario che meglio pone l’accento su tematiche sociali, e il Premio “Luis Bacalov” assegnato dal pubblico alla migliore colonna sonora.


IL CONCORSO

Sono 27 i film in gara, selezionati attraverso la piattaforma FilmFreeway per le due sezioni competitive: il concorso principale Bei Doc, aperto a tutti i documentari di qualsiasi formato prodotti dal 1 gennaio 2020 non superiori ai 60 minuti di durata, inediti o già presentati in altri festival e distribuiti in sala, di registi sia italiani che stranieri; e Bei Young Doc, rivolto invece ai giovani documentaristi under 30.

Provenienti da tutta Europa - non solo Italia ma anche Germania, Serbia, Romania, Spagna, Francia, Polonia -, i documentari sono focalizzati sui princìpi promossi dall’Articolo IX della Costituzione Italiana (“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”), un punto di riferimento tematico che accomuna tutti i film selezionati, approfondito e declinato nel linguaggio audiovisivo.

Confermata anche quest’anno la collaborazione con la piattaforma “Doc a Casa” (www.docacasa.it), l’iniziativa di D.E-R - Documentaristi Emilia-Romagna che permetterà di guardare online i film in concorso giorno per giorno, seguendo la programmazione in sala.


OMAGGIO A RAFFAELLA CARRÀ E ASTOR PIAZZOLLA

A pochi mesi dalla scomparsa di Raffaella Carrà, il Bellaria Film Festival dedica una serata-omaggio all’indimenticabile volto della televisione con In arte Carrà: il 25 settembre al Cinema Teatro Astra (ore 21.00), i giornalisti Giorgio Comaschi e il direttore del gruppo QN Quotidiano Nazionale Michele Brambilla ripercorreranno insieme, attraverso immagini, video e ricordi personali, la brillante carriera del “caschetto biondo” di Bologna, facendone riemergere il forte legame con la città di Bellaria-Igea Marina, tra i suoi luoghi d’infanzia più cari. A seguire, sarà proiettato FF.SS." - Cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene? (1983) diretto da Enzo Arbore, in cui la Carrà compare assieme ad altri personaggi famosi.

Sempre al Teatro Astra, il 24 settembre alle 20.30, Astor Piazzolla sarà protagonista di Bel’Air - Buenos Aires, un omaggio al musicista e compositore argentino in occasione dei 100 anni dalla nascita, con il patrocinio dell’Ambasciata dell’Argentina. Assieme al regista Carlos Branca, Daniel Rosenfeld presenterà il suo docufilm Piazzolla - La rivoluzione del tango (2018), un viaggio evocativo nel cuore della vita e della musica del padre del cosiddetto Nuevo Tango.


FUORI CONCORSO ED EVENTI SPECIALI

La programmazione del 39BFF è arricchita di altri film fuori concorso. Il 23 settembre toccherà al documentario Vogliamo anche le rose (2008) di Alina Marazzi, che ripercorre la nascita del movimento femminista nell'Italia degli anni ’70 affidandosi alle storie di tre donne appartenenti ad ambienti sociali e culturali diversi; mentre dalle selezioni del Festival del Documentario di Salonicco e da quello di Helsinki “Docpoint”, arriveranno a Bellaria in anteprima nazionale Walk the tideline di Anna Antsalo (22 settembre) e Kε-ha-'jas - Man of The Land di George Komakis (24 settembre).

Tra i titoli fuori concorso, il 26 settembre, anche il corto in anteprima di Maria Cristina Osti Canticum, racconto evocativo per immagini e suoni del territorio di Comacchio, e Kabul - oltre la cronaca il documentario del 2002 sull’Afghanistan governato dai talebani all'indomani dell'11 settembre, realizzato dai giornalisti Rai Antonella Delprino, Franco Di Mare e Pietro Raschillà con la regia di Michele Penelope; un instant-doc che torna oggi di forte attualità e che sarà presentato dagli stessi giornalisti al Teatro Astra.

Riproposti anche quest’anno incontri di approfondimento sul mondo del cinema, al Palazzo del Turismo di Bellaria, come il panel Il documentario: diritto allo sfruttamento in collaborazione con Emilia-Romagna Film Commission (22 settembre), le cui attività saranno presentate lo stesso giorno dal responsabile Fabio Abagnato nell’incontro Cinema e territorio in collaborazione con Approdi.

Si parlerà di Restauro delle pellicole cinematografiche il 23 settembre nel workshop di Elena Tammaccaro, vicedirettrice presso L'Immagine Ritrovata, mentre il 24 settembre ci sarà il talk Fra visibile e invisibile: lo scorrere dell’acqua e del cinema del critico cinematografico Luciano Barisone. Tornano le lezioni di cinema di Roy Menarini il 25 settembre con La cinefilia. Come è cambiato l'amore per il cinema dal cinema muto allo streaming, seguito il 26 settembre dal focus What a pitch! sulla partecipazione a mercati di coproduzione e pitching forum con Alessandra Pastore, Head of Industry del Meeting Point Vilnius e Industry Coordinator di When East Meets West.

La collaborazione con Approdi si realizzerà anche in una serie di eventi collaterali che si inseriscono nella sua Summer School “Naufragare”, come il talk Festival: istruzioni per l’uso di Daniela Persico, selezionatrice al Locarno Film Festival (18 settembre), incontri, proiezioni e workshop riservati alle scuole di Bellaria (www.approdicinema.com).

Spazio anche alla musica il 25 settembre, alle 18.00, con il concerto dell’Enri Zavalloni Quintet in Piazza Don Minzoni.


ANTEPRIMA

Anche per la 39ma edizione, il BFF avrà una giornata di anteprima sabato 11 settembre: alle 21.00 il Cinema Teatro Astra ospiterà in anteprima assoluta la proiezione del documentario fuori concorso Roby Puma - L’artista tremendo diretto da Alessio Fattori, film dedicato all'artista Roberto Zanzani, personaggio simbolo di Bellaria-Igea Marina scomparso nel 2015 e definito dall’amico Vinicio Capossela “un artista iconoclasta, che avversava regole, convenzioni, istituzioni normalmente comprese e accolte nella società. Roby distruggeva la sacra immagine della consuetudine acquisita, producendo una proposta più pura. Era la purezza di chi non è toccato dalla convenzione.”


LA GIURIA

Presieduta da Moni Ovadia, la giuria è composta da Giacomo Manzoli, Direttore del Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum all’Università di Bologna; Enza Negroni, regista e sceneggiatrice, presidente dell’Associazione Documentaristi Emilia-Romagna; Kati Juruus, direttrice artistica di DocPoint - Festival del Documentario di Helsinki; Elise Jalladeau, Direttrice Generale del Festival del Cinema Internazionale e Festival del Documentario di Salonicco.


PARTNER

Bellaria Film Festival è organizzato dalla Cooperativa “Le Macchine Celibi”, con la direzione artistica di Marcello Corvino. È promosso e sostenuto da Regione Emilia-Romagna, Comune di Bellaria-Igea Marina, RomagnaBanca, in collaborazione con Emilia-Romagna Film Commission, Associazione Documentaristi dell’Emilia-Romagna, Approdi, FilmFreeway, ARCA – Rete culturale di Bellaria Igea Marina, e il patrocinio di UNIBO Università di Bologna Alma Mater Studiorum.

Media partner sono TGR Rai e SKY Arte. Altri partner sono: CNA - Cinema e Audiovisivo, DocPoint- Festival del Documentario di Helsinki, Festival del Documentario di Salonicco, Teatro Astra di Bellaria-Igea Marina, Biblioteca Panzini di Bellaria-Igea Marina, Doc.it – Associazione Documentaristi Italiani, Hotel Gambrinus, Hotel Pozzi, Fondazione Verdeblu, Associazione Isola dei Platani. Partner Tecnici: Zelig Convention Technology e agenzia NFC.


Per garantire la sicurezza del pubblico, tutti gli eventi avranno luogo nel pieno rispetto delle disposizioni legate all’emergenza Covid-19.


Le proiezioni e gli eventi sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Per i workshop è necessario prenotarsi scrivendo a info@bellariafilmfestival.org




mercoledì 15 settembre 2021

Sermide

Non visualizzi bene la newsletter?

Aprila sul tuo browser

 

DUNE

 

di Denis Villeneuve — USA, 2021, 155 minuti, Avventura, Drammatico, Fantascienza.

 

Con Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Stephen McKinley Henderson, Zendaya.

 

Prima visione - da venerdì 17 settembre

 

Nel sistema feudale che domina l'universo nel futuro il potere è nelle mani di un imperatore sotto il quale lottano tra di loro delle importanti casate. Sul desertico pianeta Arrakis si trova la Spezia, sostanza preziosa per una varietà di motivi. Alla casata Atreides e al suo capo, il Duca Leto viene affidato il controllo del pianeta ma in realtà si sta approntando una congiura per eliminarlo. Leto ha però un figlio, Paul, il quale è dotato di particolari poteri che sta sviluppando con l'aiuto di sua madre Lady Jessica. Anche lui finisce quindi con il diventare un ostacolo da abbattere.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

LA RAGAZZA DI STILLWATER

 

di Tom McCarthy — USA, 2021, 140 minuti, Drammatico.

 

Con Abigail Breslin, Matt Damon, Camille Cottin, Deanna Dunagan, Robert Peters.

 

Da venerdì 17 a lunedì 20 settembre

 

Bill Baker, operaio petrolifero dell'Oklahoma, arriva a Marsiglia per stare vicino alla figlia Allison, da cinque anni in carcere dopo la condanna per un omicidio che dice di non aver commesso. Nel tentativo di dimostrare l'innocenza della figlia, Bill, frenato dalle incomprensioni linguistiche e culturali, s'imbatte nell'attrice Virginie, dalla quale si fa aiutare per traduzioni e ricerche. Poco alla volta l'uomo ritrova il rapporto con Allison, alla quale fa spesso visita in carcere, e avvia una relazione con Virginie e la figlia Maya, nella quale vede l'occasione per redimersi dalle sue mancanze di padre. L'ossessione per il destino della figlia, però, rischia di mettere a repentaglio la sua nuova vita.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

 

I CROODS 2:

UNA NUOVA ERA

 

di Kirk De Micco, Chris Sanders, Joel Crawford — USA, 2020, 95 minuti
Animazione, Avventura, Commedia

 

con le voci di Alessandro Gassmann, Virginia Raffaele, Benedetta Porcaroli, Francesco Pannofino, Alice Pagani.

 

Spettacolo unico

domenica 19 settembre

 

Il piccolo Guy è diventato grande e ha perso i genitori, che prima di scomparire gli hanno detto di seguire sempre la luce e andare in cerca del Domani. Lungo la via incontra i Croods che lo accolgono come un figlio nonostante il capofamiglia Grug sia geloso delle attenzioni che la figlia Hip riserva al nuovo arrivato: ma quello fra Guy e Hip è amore adolescente e non conosce barriere. I Croods però si imbatteranno in unmondo nuovo più evoluto del loro, capitanato dalla famiglia dei Superiori: Filo, Speranza e la loro figlia teenager Aurora. I Superiori erano amici fraterni dei genitori di Guy e sperano di abbinare Aurora al ragazzo, ma dovranno vedersela con l'impavida Hip e con la sua simpatica anche se impresentabile famiglia. E tutti dovranno capire dove risieda il loro Domani.

Vai alla scheda del film con orari e prezzi
Acquista il biglietto in prevendita

venerdì 10 settembre 2021

Nino Castelnuovo

Secondogenito di quattro fratelli (due maschi, Pierantonio e Clemente, e una femmina, Marinella), incomincia a lavorare ancora bambino a Castello, rione di Lecco. Dopo aver praticato la ginnastica artistica e il ballo, nel 1955 si trasferisce a Milano, dove diventa allievo della scuola del Piccolo Teatro di Milano di Giorgio Strehler.

Nino Castelnuovo con Claudia Cardinale in Un maledetto imbroglio (1959) di Pietro Germi

Inizia quindi a lavorare per la televisione nel 1957, anno in cui partecipa come mimo al programma Zurlì il mago del giovedì, di Cino Tortorella[1] (tra i suoi compagni mimi vi sono Renata Padovani, Gabriella Durano Galvani, Relda Ridoni e Sergio Le Donne). Esordisce poi al cinema in Un maledetto imbroglio (1959) di Pietro Germi, e prosegue interpretando ruoli secondari da attor giovane in numerose pellicole, alcune delle quali anche di rilievo come Il gobbo (1960) di Carlo Lizzani e Rocco e i suoi fratelli (1960) di Luchino Visconti.

L'occasione internazionale arriva con il musical francese Les Parapluies de Cherbourg (1964) di Jacques Demy, un film interamente cantato, in cui interpreta la parte del protagonista accanto a una giovane Catherine Deneuve. Il film ottiene all'estero consensi di critica e di pubblico e vince la Palma d'oro a Cannes, ma passa quasi inosservato in Italia per la idiosincrasia del pubblico italiano nei confronti dei musical, ancor più se sottotitolati.

In compenso, qualche anno più tardi, Castelnuovo diverrà uno degli attori più popolari in Italia grazie al ruolo di Renzo Tramaglino nella riduzione televisiva di I promessi sposi, andata in onda sul primo canale della Rai nel 1967, per la regia di Sandro Bolchi. Le sue scelte successive hanno privilegiato la televisione, dove ha preso parte a numerosi sceneggiati che hanno fatto seguito al primo grande successo; da ricordare Ritratto di donna velata (1974), con Daria Nicolodi. Nel 1976 subisce una grave perdita familiare, quando suo fratello Pierantonio viene picchiato a morte[2]. Nel 1994 un'altra grave perdita per la morte, in un incidente stradale, dell'altro fratello Clemente.

Recita superbamente in uno dei più premiati film di tutti i tempi, Il paziente inglese (1996), nei panni dell'entusiasta archeologo italiano D'Agostino. Il pubblico lo ricorda ancora per la sua lunga carriera di atletico testimonial nella pubblicità dell'olio Cuore, in cui veniva ripreso nell'atto di saltare una staccionata. Nel 2013 Castelnuovo ha vestito i panni dello spregiudicato giudice Savio, nella serie Le tre rose di Eva 2, ruolo che ha continuato a ricoprire anche nella terza stagione della serie televisiva nel 2015.

Colpito da glaucoma, che lo aveva reso ipovedente[3], muore a Roma il 6 settembre 2021 dopo una lunga malattia a 84 anni[4]

da Wikipedia

 

mercoledì 8 settembre 2021

Il gruppo dei 10

 

Una serata interamente dedicata al grande pianista e compositore Fats Waller, uno dei maggiori protagonisti della storia del jazz, con ospite d’onore Jimmy Villotti. L’appuntamento è venerdì 10 settembre con “The Dream Man”, per celebrare la musica di uno dei più importanti e creativi protagonisti della storia del jazz: Thomas “Fats” Waller. La serata è organizzata da Il Gruppo dei 10 e chiude la rassegna musicale Tutte le Direzioni in Summertime allo Spirito di Vigarano Mainarda (Ferrara).
 
Sarà la Roaring Twenties Jazz Band – la storica jazz band ferrarese che da oltre quarant’anni propone la musica che si suonava nell'America dei ruggenti anni Venti – a dar vita a questo speciale progetto, con un repertorio interamente dedicato al grande pianista e compositore Fats Waller. La ‘banda’ jazz è composta da Leo Carboni alla tromba, Giacomo Scanavini al trombone, Bruno Fregna al clarinetto e sax soprano, Andrea Zardi al pianoforte, Tiberio Bragaglia al banjo tenore, Giordano Giordani al sousaphone e Roberto Bergamini alla batteria.
 
Per questa occasione così speciale la R.T.J.B. ha invitato un jazzman di vaglia come Jimmy Villotti, che, oltre all’apporto chitarristico, avrà il compito di ripresentare vocalmente, con l’originalità che lo contraddistingue, i testi dei brani di Fats Waller. Jimmy Villotti, nel corso della sua carriera, ha collaborato con tanti artisti tra cui Lucio Dalla, Francesco Guccini, Claudio Lolli, Ornella Vanoni, Gianni Morandi e Paolo Conte, che gli ha dedicato una canzone (Jimmy ballando).
 
Le sorprese non finiscono qui. Prima del concerto, verrà presentato il libro “Billie Holiday. La vita e la voce” di Guido Santato (Carocci editore, 2020). Il libro offre una ricostruzione completa e accuratamente documentata della vita e dell'esperienza artistica di Holiday, considerata da molti la più grande cantante jazz, proponendo insieme contributi che gettano nuova luce su una vicenda tanto straordinaria quanto drammatica.

 
Jimmy Villotti
Dopo la presentazione del libro e del concerto, alla ‘Roaring’ si uniranno poi numerosi musicisti per una gloriosa e divertente jam session di fine rassegna. Anche il gruppo swing Saint Germain Swing Quartet ne farà parte. Sarà un felice ritorno allo Spirito per l’acclamata band che è stata protagonista della rassegna de Il Gruppo dei 10 la scorsa settimana.
 
“Thomas “Fats”  Waller – spiega Bruno Fregna della RTJB – è stato uno dei grandi protagonisti del jazz, pianista virtuoso, compositore inesauribile, aveva una facilità di scrittura musicale che qualche critico paragona a quella di Mozart. Si contano oltre quattrocento brani di sua composizione, molti di questi furono grandi successi e tuttora sono presenti nel repertorio di tanti musicisti”.
 
“Tra i suoi maestri – continua Fregna - ci fu James P. Johnson, uno dei maggiori pianisti dell’epoca e uno dei principali artefici dello stile pianistico “Stride”, una sorta di ponte tra il ragtime, genere caratterizzato da composizioni scritte la cui esecuzione richiedeva una notevole tecnica pianistica, e lo stile più libero tipico del jazz. Waller sviluppò ulteriormente lo stile “Stride” contribuendo alla transizione verso lo stile pianistico che ha caratterizzato l’era dello swing di Teddy Wilson, Art Tatum e gli altri grandi”.
La Roaring Twenties Jazz Band

Per informazioni e prenotazioni: Spirito - via Rondona  11d, Vigarano (Ferrara), 0532.436122 e 339.4365837. 

Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena, massimo 70 posti.