venerdì 7 dicembre 2018

Omaggio a Bonvi

Cinema Lumière
da giovedì 6 dicembre

Santiago, Italia
(Italia/2018) di Nanni Moretti (135') - Prevendita online
Nanni Moretti domenica in Cineteca

In Cile, nel 1973, la giunta militare del generale Pinochet rovesciò con un colpo di stato il governo democraticamente eletto di Salvador Allende. Il documentario si concentra sull'ambasciata italiana, che accolse centinaia di persone che il neo-regime avrebbe voluto in carcere, o peggio,  riuscendo a farle arrivare in Italia. Un documentario limpido e commovente, tutto al servizio delle voci e dei volti di una storia che ci conforta e che ci riguarda ancora da vicino. Nanni Moretti sarà a Bologna domenica 9 ospite della Cineteca per introdurre le proiezioni delle ore 18.30 (posti esauriti) e delle ore 21 (ultimi posti disponibili).
Leggi di più
Cinema Lumière
fino a mercoledì 12 dicembre
Roma
(Messico/2017) di Alfonso Cuarón (135')
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line

Prosegue la programmazione dell'ultimo film di Alfonso Cuarón. Dopo i fasti hollywoodiani di Gravity, il regista messicano premio Oscar cambia radicalmente orizzonte e genere e, ispirandosi ai ricordi della propria infanzia, realizza questo potente dramma ambientato a Città del Messico nei primi anni Settanta. Protagonista una domestica a servizio di una famiglia borghese del quartiere residenziale che dà titolo al film. Premiato con il Leone d'oro a Venezia, è un film che voltandosi indietro parla del nostro presente, e lo fa con la forza di una strabiliante bellezza figurativa. Matinée tutti i giorni alle ore 10.30.
Leggi di più
Cinema Lumière
fino a mercoledì 12 dicembre

Bohemian Rhapsody
(GB-USA/2018) di Bryan Singer (134’)
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line


Arriva finalmente nelle sale, dopo una lunga e travagliata lavorazione, il biopic che i tanti fan dei Queen aspettavano da tempo. Il film ripercorre la storia della leggendaria rock-band inglese dall’origine al concerto del Live Aid del 1985 che ne consacrò il mito. Nei panni del carismatico Freddie Mercury, Rami Malek, in una performance ad alto tasso di mimetismo.
Leggi di più
Sala Cervi
da giovedì 6 dicembre

Il castello di vetro
(The Glass Castle, USA/201) di Destin Daniel Cretton (127’)
Versione italiana e originale con sottotitoli. Prevendita on-line

Per quanto folli possano essere i nostri familiari non possiamo smettere di amarli. Lo sa bene la giornalista americana Jeannette Walls, autrice dell'omonimo best-seller autobiografico, in cui racconta la sua infanzia nomade al seguito di due genitori selvaggi e anticonformisti, divisa tra l’amore smisurato per la famiglia e il desiderio di costruirsi una propria esistenza.
Leggi di più
Il Cinema Ritrovato al cinema
A dicembre nelle sale italiane - In Sala Cervi, tutti i lunedì e martedì, il 26 e 30 dicembre
L'appartamento
(The Apartment, USA/1960) di Billy Wilder (125')
Versione originale con sottotitoli italiani
Torna in sala, distribuito dalla Cineteca di Bologna e in un nuovo e sfolgorante restauro, L’appartamento, amarissimo ed esilarante ritratto di solitudine metropolitana. Billy Wilder prende la storia pruriginosa di un impiegato (Jack Lemmon, mai così divertente e così commovente) che per far carriera presta la sua casa ai superiori in vena di scappatelle e la trasforma in una sorprendente e sentita difesa della dignità umana, dosando perfettamente satira spietata e pathos.
Leggi di più
In rassegna
Cinema Lumière - 7 dicembre
Valerio Mastandrea e Wu Ming in Cineteca
Come comporre le storie affinché il nostro fare vada a buon fine: Valerio Mastandrea e i Wu Ming presenteranno al pubblico le loro ultime creazioni. Mastandrea parlerà di Ride, suo esordio dietro la macchina da presa (presentato in anteprima al Torino Film Festival e che lo stesso attore-regista presenterà alle ore 21 al Cinema Arlecchino), mentre il collettivo bolognese presenterà il suo ultimo romanzo, Proletkult. L’ingresso è libero.
Leggi di più
Cinema Lumière - fino al 18 dicembre
Bergman100. Omaggio a Liv Ullmann
Prosegue l'omaggio al maestro svedese nel centenario della nascita con tre capolavori illuminati dall'interpretazione di Liv Ullmann: Persona, analisi della crisi dell'artista e dell'afasia delle relazioni umane, Sinfonia d'autunno, crudele film da camera con una figlia soffocata dall'ego della madre, e Sarabanda, ovvero Scene da un matrimonio ultimo atto, nel disincanto amaro della vecchiaia.
Leggi di più
Cinema Lumière - dal 9 al 16 dicembre
Omaggio a Bonvi
In occasione della mostra Sturmtruppen. 50 anni (Palazzo Fava, dal 7 dicembre) un omaggio al geniale Franco Bonvicini, in arte Bonvi, e ai suoi celebri 'soldaten': film amati dallo stesso fumettista e vicini allo spirito satirico e antimilitarista delle sue strisce: Comma 22 di Mike Nichols, Flashback di Raffaele Andreassi e Brazil di Terry Gilliam.
Leggi di più
Cinema Lumière - 9 dicembre
Domenica matinée: La danza della realtà
Con il film di Alejandro Jodorowsky, autobiografia immaginaria e poetica, si conclude il ciclo di matinée  (con colazione inclusa, in collaborazione con Forno Brisa) dedicato ai migliori film della Quinzaine des realisateurs di Cannes, selezionati dal suo ex direttore artistico, Edouard Waintrop.  Le matinée riprenderanno a gennaio con il ciclo Insoliti ignoti, aspettanto Visioni Italiane.
Leggi di più

Lo sguardo di Orson Welles

Mercoledì 12 dicembre a Bologna al Cinema Odeon, Sala Biografilm presenta l’anteprima in versione originale di LO SGUARDO DI ORSON WELLES, il film di Mark Cousins che offre un’interpretazione visionaria della vita del regista di Quarto potere.
Accedendo al suo archivio e ai lavori custoditi da Beatrice Welles, sua terza figlia, Mark Cousins rilegge in una prospettiva inedita la carriera, le passioni, la politica e il potere del maestro del cinema americano, rivolgendosi direttamente a Welles nella forma di una sincera lettera d’amore.

LO SGUARDO DI ORSON WELLES sarà al cinema dal 16 al 19 dicembre, distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection come evento speciale I Wonder Stories.


LO SGUARDO DI ORSON WELLES di Mark Cousins
Mercoledì 12 dicembre al Cinema Odeon
ore 21.15 a 4€ anziché 8,5€
segui questo link compila il form e inserisci il codice partner OW12BO


“Solo una persona può decidere il mio destino – e quella persona sono io.” Con questa fermezza si presentava Charles Foster Kane, indimenticabile protagonista di Quarto Potere, il film che nel 1941 sconvolse il mondo del cinema. Molti anni dopo, le stesse parole sembrano riecheggiare dietro al suo regista, sempre pronte a indicargli la via. Grazie all’accesso esclusivo al materiale privato di Orson Welles, Mark Cousins indaga una leggenda: attraverso i suoi occhi, disegnato con le sue mani, dipinto con i suoi pennelli. Prodotto da Michael Moore, Lo sguardo di Orson Welles riscopre uno dei più brillanti autori del Ventesimo secolo e esplora come il suo genio, trent’anni dopo la sua morte, risplenda ancora oggi nell’era di Trump.


L'evento, un'iniziativa Sala Biografilm, è realizzato in collaborazione con I Wonder Pictures, Unipol Biografilm Collection e Cinema Odeon.

Per maggiori informazioni chiama lo 051 4070166 o scrivi a ingressi@biografilm.com

mercoledì 5 dicembre 2018

Matilde Vigna e Segantini

SABATO TRE IDENTITÀ FEMMINILI, UNA SOLA ATTRICE, IN SCENA A FERRARA OFF E DOMENICA L’ARTE DI SEGANTINI

Sabato 8 dicembre alle ore 21.00 andrà in scena a Ferrara Off ‘
Causa di Beatificazione unplugged’ di Massimo Sgorbani, con  Matilde Vigna, suono live Alessio Foglia. Matilde Vigna, recentemente nominata al Premio Ubu 2018 come miglior attrice under 35, darà vita a tre identità femminili - una prostituta kosovara, una kamikaze palestinese, una suora nell’Italia del medioevo.
In ogni ‘canto’ uno sguardo maschile e musicale che incombe, una presenza che perseguita, che libera, che distrugge, porta alla beatificazione. Partendo dalla forza e dalla bellezza delle parole di Sgorbani, smantellando e assimilando l’idea registica di Michele Di Mauro, si entrerà nel vivo delle storie di queste tre donne: storie di dolore ed emarginazione alla ricerca di una redenzione.
Domenica 9 dicembre alle 17.30 invece, torna a Ferrara Off Giacomo Cossio che, in occasione della mostra ‘Courbet e la natura’ presso Palazzo dei Diamanti, dedica questo terzo incontro con il pubblico a Giovanni Segantini e alla profonda influenza che i lavori di Courbet hanno avuto sulle opere di questo artista. Il bianco della neve, una certa idea di selvatico e il desiderio di rappresentare gli animali, si ritrovano come in Courbet anche in Segantini, pittore lombardo della seconda metà dell'Ottocento, indomabile e inquieto che trova nel paesaggio aspro e selvaggio dei Grigioni la sua ispirazione più profonda. L’appuntamento, con ingresso a offerta libera, è patrocinato da Ferrara Arte.
L’ingresso allo spettacolo ‘Causa di Beatificazione unplugged’ è di 10 € per i soci Ferrara Off, 6 € studenti Unife, 8 € soci under30, 5 € soci under18, 12 € non soci (inclusa tessera associativa 2018/19). È consigliata la prenotazione. Maggiori informazioni su www.ferraraoff.it o chiamando il numero 333.6282360. 
 


Cinema Apollo

Gentile redazione,
in allegato il comunicato stampa e alcune immagini relative al progetto SuperCinema Apollo: un lungo weekend per recuperare e attualizzare la memoria del più importante cinematografo di Ferrara, tra i primi multisala d'Italia, attivo in piazza Gobetti dal 1921 al 1961, gestito dalla famiglia Azzalli. L'evento si terrà da venerdì 14 a lunedì 17 dicembre, compleanno del cinema - inaugurato nello stesso giorno del 1921. Comprenderà una video installazione diffusa in piazza Gobetti e una serie di proiezioni speciali organizzate presso il cinema Boldini e il cinema Apollo CinePark

Il progetto, ideato e curato dall'associazione Ilturco, si realizza grazie al sostegno e al patrocinio del Comune e del Mibac, alla collaborazione attiva di Apollo CinePark, Arci Ferrara, Ferrara Film Festival, Istituto di Storia Contemporanea. Tra i partner anche Feedback e Ferrara Film Commission. 

Grazie già da ora per la visibilità che vorrete dare all'iniziativa. Per qualsiasi approfondimento (interviste, informazioni più dettagliate, video, fotografie) Ilturco è a disposizione.
Cordiali saluti,

Licia Vignotto 
responsabile comunicazione
3391524410 



lunedì 3 dicembre 2018

Sala Estense



COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO


Peppe Dell’Acqua (destra) Davide Enia
Massimo Cirri (a sinistra)


(TRA PARENTESI) LA VERA STORIA DI UN’IMPENSABILE LIBERAZIONE e L’ABISSO.
Rivoluzione basagliana e viaggio dei migranti: questi i temi raccontati da Peppe Dell’Acqua, Massimo Cirri e Davide Enia negli appuntamenti di dicembre per La Società a Teatro


A poco più di un mese dal suo debutto nazionale, martedì 4 dicembre alle 21 in Sala Estense arriva, (Tra parentesi) la vera storia di un’impensabile liberazione. Sul palcoscenico gli autori e protagonisti, inconsueti per il mondo del teatro, Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua, diretti dalla talentuosa cineasta e regista triestina Erika Rossi, in uno scambio che intreccia conversazione, teatro, testimonianza. Il 2018 segna il quarantennale della Legge 180, una ricorrenza a cui La Società a Teatro ha voluto dedicare attenzione ospitando questo lavoro prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giuli e nel quale, su questo tema, Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua possiedono un punto di vista privilegiato: Peppe Dell'Acqua, quando era un giovane medico non ancora specializzato in psichiatria, aveva cercato Basaglia per lavorare con lui, seguendolo a Gorizia e a Trieste; Massimo Cirri, oggi conduttore di Caterpillar su Radio 2, ha lavorato per 25 anni nei servizi di Salute Mentale nati dopo la chiusura dei manicomi. Mettendo in campo la propria esperienza, in questo lavoro tentano entrambi di colmare il vuoto di memoria - e di far riflette sul calo di risorse e di interesse - che nel corso degli ultimi decenni si è creato intorno a quella che qualcuno ha definito la più radicale riforma del nostro Paese.

Martedì 11 dicembre, sempre alle 21 in Sala Estense, il palco sarà per L’Abisso, di e con Davide Enia, spettacolo tratto da Appunti per un naufragio, il suo ultimo testo edito da Sellerio. Partendo dal pianto composto di un sommozzatore che ogni giorno raccoglie corpi dall’acqua, oltre a raccontare il viaggio di migliaia di migranti questo lavoro è un viaggio interiore. Enia racconta il difficile tema degli sbarchi a Lampedusa in un monologo intenso e bellissimo che disegna un ponte fra il suo vissuto personale e il volto mutato della sua Sicilia. Accompagnato dalle corde di Giulio Barocchieri che danno a questo lavoro il fascino di un’antica nenia, l’artista delinea anche il suo di naufragio, il suo di disagio esistenziale fra quelle migliaia di vite spezzate e violate. Nel suo racconto descrive anche la sua reazione al dolore: l’assenza di parole, lo stesso mutismo dietro cui si era trincerato per allontanarsi dagli affetti più cari, come era accaduto nei confronti del padre. In entrambe le date il biglietto ha il costo di 5 euro e può essere ritirato presso la Biglietteria del Teatro Comunale nei giorni precedenti la rappresentazione oppure in sede di spettacolo il giorno stesso a partire dalle ore 20.00.
Per il mese di dicembre il programma LST segnale anche il giorno 14, ore 21 in Sala Estense: presentazione di uno studio teatrale diretto da Michalis Traitsis, dal progetto “Il teatro e il benessere” promosso da ASP Ferrara, ad ingresso libero.


sabato 1 dicembre 2018

Il fascino della spensieratezza

Giovanni Paolo Bedini
Il fascino della spensieratezza
1844-1924

A cura di
Giuseppe Mancini

Mostra promossa da
Associazione Bologna per le Arti

Palazzo d'Accursio, Bologna
2 dicembre 2018 – 3 febbraio 2019
inaugurazione: sabato 1 dicembre, ore 17.30


Sarà dedicata alla figura di Giovanni Paolo Bedini, artista nato nel capoluogo emiliano nel 1844 e attivo fino agli anni ‘20 del Novecento, la quindicesima mostra retrospettiva promossa da Bologna per le Arti, associazione culturale impegnata da diversi anni nel sostegno e nella valorizzazione della pittura bolognese dell’Ottocento e del Novecento.

Giovanni Paolo Bedini. Il fascino della spensieratezza 1844-1924, a cura di Giuseppe Mancini, sarà la prima grande antologica focalizzata sull’intera produzione dell’artista emiliano. Presenterà circa sessanta opere di provenienza pubblica e privata, a cui verranno affiancati i dipinti di maestri contemporanei a lui vicini, con l’intento di mettere in luce non solo il percorso artistico del singolo ma di offrire un più ampio “spaccato” del suo tempo.

Quella di Giovanni Paolo Bedini fu un’arte allegra e vivace, molto apprezzata dalla critica e lontana da qualsiasi retorica romantica, che maturò le sue peculiarità nel filone del gusto neo-rococò e medio borghese. Lavoratore instancabile, Bedini realizzò moltissime opere tra dipinti ad olio e acquerelli che trovarono largo mercato sia in Italia che all’estero.

L’artista si formò all'Accademia di Belle Arti di Bologna, dove si distinse per la sua versatilità aggiudicandosi premi in Architettura (1863), Decorazione e Figura (1864), Prospettiva (1865), Pittura (1866), Figura delle statue e Anatomia (1867).
I suoi esordi risalgono al 1867, quando presentò due opere alla II Esposizione triennale delle Accademie dell’Emilia. In seguito partecipò alle esposizioni di Torino (1872), Genova (1876), Firenze (1877) e Milano (1876, 1893, 1895, 1906).

Dapprima avviato alla pittura di tema storico, ben presto la abbandonò per dedicarsi alla rappresentazione della quotidianità più spensierata: le opere, caratterizzate da un tocco spedito ed efficace, si popolano di figure piene di vita, dai colori gioiosi e modellate con cura, spesso ambientate nei secoli passati, con una particolare predilezione per il XVIII secolo.
Artista ormai affermato, nel 1894 Bedini fu chiamato a coprire la cattedra di Elementi di figura presso l'Accademia bolognese e, tra il 1907 e il 1922, fu docente e Capo di Istituto presso la Scuola Professionale per le Arti Decorative di Bologna.

La mostra inaugurerà sabato 1 dicembre alle ore 17.30 presso la Sala Ercole di Palazzo d’Accursio a Bologna e sarà aperta al pubblico dal 2 dicembre 2018 al 3 febbraio 2019Si potrà visitare gratuitamente martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30 e venerdì dalle 15 alle 18.30. Lunedì chiuso.
Per l’occasione sarà pubblicato un esauriente catalogo corredato da testi critici e immagini inedite.

Nel corso dell’esposizione, precisamente nel mese di gennaio 2019, ritornerà l’iniziativa “Dialoghi Culturali a Palazzo d’Accursio”, un ciclo di conferenze sull’arte e le sue declinazioni tenute da studiosi e personalità del panorama culturale della città, quest’anno alla sua nona edizione. Gli appuntamenti si terranno presso la Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio.

Bologna per le Arti è un’associazione culturale senza scopo di lucro nata nel 1999 per fornire un servizio diretto alla conoscenza e alla divulgazione delle arti figurative con specifico riferimento ai periodi dell’Ottocento e del Novecento. A tal fine, l’associazione si propone di organizzare mostre, conferenze e pubblicare libri finalizzati alla valorizzazione della tradizione artistico-culturale del territorio bolognese. Bologna per le Arti realizza i propri progetti collaborando con enti, associazioni e istituzioni di natura pubblica e privata. Dal 2010 realizza le proprie mostre annuali (circa 250mila visitatori) presso Palazzo d’Accursio in collaborazione con il Comune di Bologna, sempre corredate dal ciclo di incontri «Dialoghi Culturali a Palazzo d’Accursio» grazie al coinvolgimento dei maggiori professionisti della cultura in città e nel Paese. Dopo l’incredibile successo di pubblico delle mostre su Alfredo Protti, Flavio Bertelli e Carlo Corsi, e dopo esser stata onorata della Medaglia dal Presidente della Repubblica per le mostre “Mario di Maria (Marius Pictor). Il pittore delle lune” e “Giovanni Romagnoli. L’eterna giovinezza del colore” l’Associazione prosegue la sua attività promuovendo quest’anno la sua quindicesima retrospettiva.


INFO

Giovanni Paolo Bedini
Il fascino della spensieratezza
1844-1924

A cura di Giuseppe Mancini

Mostra promossa da Associazione Bologna per le Arti

Palazzo d'Accursio, Bologna
2 dicembre 2018 – 3 febbraio 2019

Inaugurazione: sabato 1 dicembre, ore 17.30

Orari: martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30 e venerdì dalle 15 alle 18.30. Lunedì chiuso.

Ingresso gratuito

Per informazioni:
info@bolognaperlearti.it

Ufficio stampa
Sara Zolla | T. 346 8457982
press1@bolognaperlearti.it

Immagine di apertura:
Giovanni Paolo Bedini, La veste nuova, olio su tela, 50 x 37 cm, collezione privata.


giovedì 29 novembre 2018

A dicembre in cineteca

GIOVEDÌ 29 NOVEMBRE 2018, DAMSLAB (piazzetta P. P. Pasolini 5b - Bologna)
Intorno a La banda Casaroli
Ore 15.00
- Introduzione degli organizzatori
- ALBERTO PRETI (Università di Bologna), Dalla Bologna del dopoguerra
- ALBERTO PEZZOTTA (IULM), Il fascismo prima e dopo: La lunga notte del '43 e La banda
Casaroli
- LORENZO MARMO (Istituto Universitario Orientale Napoli), Dopoguerra nero: modelli
iconografici e modelli identitari in La banda Casaroli
- PAOLO SIMONi (Home Movies), L'immagine di Bologna nel cinema amatoriale del
dopoguerra
- LORIS LEPRI (Comune di Bologna), Vancini a Bologna: La banda Casaroli, storia di un
film
Ore 17.00
- Proiezione di La banda Casaroli (Florestano Vancini, 1962). Ingresso gratuito.
Cinema Lumière
Lunedì 3, martedì 4, mercoledì 5 dicembre

Roma
(Messico/2017) di Alfonso Cuarón (135')
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line

In uscita nelle sale italiane, distribuito dalla Cineteca, l'ultimo attesissimo film di Alfonso Cuarón. Dopo i fasti hollywoodiani di Gravity, il regista messicano premio Oscar cambia radicalmente orizzonte e genere e, ispirandosi ai ricordi della propria infanzia, realizza questo potente dramma ambientato a Città del Messico nei primi anni Settanta. Protagonista una domestica a servizio di una famiglia borghese del quartiere residenziale che dà titolo al film. Premiato con il Leone d'oro a Venezia, è un film che voltandosi indietro parla del nostro presente, e lo fa con la forza di una strabiliante bellezza figurativa.
Leggi di più
Cinema Lumière
da giovedì 29 novembre

Bohemian Rhapsody
(GB-USA/2018) di Bryan Singer (134’)
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line


Arriva finalmente nelle sale, dopo una lunga e travagliata lavorazione, il biopic che i tanti fan dei Queen aspettavano da tempo. Il film ripercorre la storia della leggendaria rock-band inglese dall’origine al concerto del Live Aid del 1985 che ne consacrò il mito. Nei panni del carismatico Freddy Mercury, Rami Malek, in una performance ad alto tasso di mimetismo.
Leggi di più
Sala Cervi
da giovedì 29 novembre

Il vizio della speranza
(Italia/2018) di Edoardo De Angelis (90’)
Prevendita on-line

Dopo il successo di Indivisibili, De Angelis propone una storia di vendetta e riconciliazione che ha come sfondo il fiume Volturno e le desolate terre che lo circondano: la protagonista è Maria, un'esistenza trascorsa senza sogni né desideri, a prendersi cura della madre e al servizio di una madame ingioiellata.  Un film che "affonda le mani in una materia incandescente e lo fa con una folle fiducia nel potere del melodramma"  (Giona A. Nazzaro).
Leggi di più
Il Cinema Ritrovato al cinema
A dicembre nelle sale italiane - In Sala Cervi, tutti i lunedì e martedì, il 26 e 30 dicembre
L'appartamento
(The Apartment, USA/1960) di Billy Wilder (125')
Versione originale con sottotitoli italiani
Torna in sala, distribuito dalla Cineteca di Bologna e in un nuovo e sfolgorante restauro, L’appartamento, amarissimo ed esilarante ritratto di solitudine metropolitana. Billy Wilder prende la storia pruriginosa di un impiegato (Jack Lemmon, mai così divertente e così commovente), che per far carriera presta la sua casa ai superiori in vena di scappatelle e la trasforma in una sorprendente e sentita difesa della dignità umana, dosando perfettamente satira spietata e pathos.
Leggi di più

In rassegna
Cinema Lumière - dal 29 novembre al 2 dicembre
CinemaSpagna
Torna a Bologna il festival che propone il meglio del cinema iberico delle ultime stagioni: l’emozionante opera prima di formazione A cambio de nada, la graffiante commedia Todas las mujeres, il thriller psicologico La próxima piel, il dramma storico Incerta gloria e Magical Girl, “la più grande rivelazione del cinema spagnolo degli ultimi vent’anni” (Almodóvar dixit). In anteprima Non ci resta che vincere,  il film che rappresenterà la Spagna ai prossimi Oscar. Da rivedere i classici Viridiana di Buñuel, La ballata del boia di Berlanga e la versione director’s cut di El cochecito di Ferreri.
Leggi di più
Cinema Lumière -  2 dicembre
Ángela Molina in Cineteca
Ospite d’onore di CinemaSpagna sarà  Ángela Molina, grande dame del cinema iberico. L'attrice sarà al Lumière domenica 2 per presentare Quell’oscuro oggetto del desiderio di Luis Buñuel.  L'omaggio alla Molina si completerà con le proiezioni di Le cose dell’amore e Gli abbracci spezzati.
Leggi di più
Cinema Lumière - 2 dicembre
Domenica matinée: El abrazo de la serpiente
Con il film di Ciro Guerra - epica storia del contatto tra uno sciamano amazzonico e due scienziati alla ricerca di saperi ancestrali - prosegue il ciclo di matinée  (con colazione inclusa, in collaborazione con Forno Brisa) dedicato ai migliori film della Quinzaine des realisateurs di Cannes, selezionati dal suo ex direttore artistico, Edouard Waintrop.
Leggi di più
Cinema Lumière - fino al 18 dicembre
Bergman100. Omaggio a Liv Ullmann
Prosegue l'omaggio al maestro svedese nel centenario della nascita. La prossima settimana vedremo tre capolavori illuminati dalle intense intepretazioni di Liv Ullmann: Sussurri e grida, riflessione sul dolore e la pietà delle donne, Scene da un matrimonio, frammenti di vita  coniugale di una coppia nell'arco di un decennio, e Persona, analisi della crisi dell'artista e dell'afasia delle relazioni umane.
Leggi di più
Cinema Lumière - 3 dicembre
Stefano Benni ed Enza Negroni presentano Le avventure del lupo
Un viaggio documentario nei luoghi dell'anima di Stefano Benni, in cui lo scrittore bolognese si racconta e si fa raccontare da amici e colleghi in un mosaico di dialoghi, battute, brani teatrali, materiali d'archivio e persino quattro brevi animazioni. Al termine incontro con Stefano Benni, la regista Enza Negroni e i produttori Sofia Klein e Luigi Tortato. Prevendita online.
Leggi di più
Schermi e Lavagne
Cinema Lumière
Cineclub per bambini e ragazzi


sabato 1° dicembre, ore 16
Animali fantastici e dove trovarli
di David Yates

domenica 2 dicembre, ore 16
Gli incredibili 2
di Brad Bird
Sala Cervi e Cinnoteca
Cinnoteca


sabato 1° dicembre, ore 16
The Boy and the Moon
Un pomeriggio tra proiezioni, giochi, letture per conoscere tanti personaggi che alla luna hanno rivolto il loro sguardo incantato, sorpreso, persino innamorato. Sarà presente Rino Alaimo, autore del corto The Boy and the Moon tratto dal suo albo illustrato Il bambino che amava la luna.
Leggi di più
Leggi di più
Cinema Lumière
Cinenido - Visioni disturbate


1 e 5 dicembre
Tutti i mercoledì mattina e sabato pomeriggio film pensati per i neo-genitori e i loro bambini: deposito carrozzine presso le casse, fasciatoi nei bagni e libertà di disturbo e movimento in sala da parte dei bebè. I film scelti per i prossimi due appuntamenti sono Bohemian Rhapsody (sabato 1) e Roma (mercoledì 5).
Leggi di più
A dicembre in Cineteca
  • Il Cinema Ritrovato al cinema: L'appartamento
  • Bergman100 - seconda parte
  • CinemaSpagna
  • Prime visioni
  • Omaggio a Bonvi
  • Domenica matinée
  • Schermi e Lavagne


    Sfoglia Cineteca di dicembre con il programma completo