lunedì 21 gennaio 2019

Auto che passione!


m.a.x. museo, CHIASSO (SVIZZERA)

DAL 7 OTTOBRE 2018 AL 27 GENNAIO 2019
LA MOSTRA

AUTO CHE PASSIONE!
Interazione fra grafica e design


La rassegna analizza l’evoluzione dello stile nella storia dell’automobile, attraverso le grafiche pubblicitarie, disegni, cartoline, oggetti di design, realizzati da Jules Chéret a Marcello Dudovich, da Leopoldo Metlicoviz a Carlo Biscaretti di Ruffia, da Achille Mauzan a Plinio Codognato, da Marcello Nizzoli a Max Huber, da André Martin a Pierluigi Cerri.
Il percorso espositivo si arricchisce della sezione allestita, dal 7 ottobre al 9 dicembre 2018, nell’attiguo Spazio Officina, con dodici tra le più iconiche auto d’epoca, dalla Prinetti & Stucchi del 1899, alla Iso Rivolta Vision del 2017, dalla Bugatti T 35 del 1925 alla Pagani Huayra Coupé del 2016, dall’Alfa Romeo SS Villa d’Este del 1952 alla De Tomaso Pantera GTS del 1974, dalla Lancia Astura del 1933 alla Lamborghini 400 GT del 1966, dalla Ferrari 275 GTB del 1965 all’Alfa Romeo V6 Vittoria del 1995.




Dal 7 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019, il m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) celebra la centenaria storia dell’automobile con una mostra che documenta l’evoluzione dello stile, così come si è sviluppato in quel territorio in cui grafica e design s’intrecciano, all’interno delle varie fasi storiche fino a raggiungere la contemporaneità.
La rassegna, dal titolo AUTO CHE PASSIONE! Interazione fra grafica e design, è curata da Marco Turinetto, del Politecnico di Torino, e da Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo, e s’inserisce all’interno del filone d’indagine del museo svizzero che, per la stagione 2017-2018 si declina in Sinestesia.
L’esposizione muove i suoi passi dagli inizi del Novecento quando una serie di scoperte e innovazioni tecnologiche hanno rivoluzionato il modo di vivere di tutto il secolo. Ma è grazie all’intervento della grafica e del design che il ruolo delle carrozzerie delle automobili viene elevato da un livello funzionale a quello estetico.
Ecco allora che le più importanti case automobilistiche affidano l’immagine della loro azienda e quella della comunicazione pubblicitaria ad artisti quali Jules Chéret, Marcello Dudovich, Leopoldo Metlicoviz, Carlo Biscaretti di Ruffia, Achille Mauzan, Plinio Codognato, Marcello Nizzoli, Max Huber, André Martin, Pierluigi Cerri, che contribuirono a costruire quella ‘cultura dell’automobile’ che ancora è presente ai nostri giorni; contemporaneamente, nascono quelle figure di designer industriale quali Pininfarina, Giugiaro, Zagato e Sbarro che, attraverso le loro creazioni, segnarono lo spirito di un’epoca.
Al m.a.x. museo, tutto questo sarà documentato da oltre trecento pezzi fra manifesti cromolitografici a grande formato grafiche pubblicitarie, disegni, cartoline, oggetti di design, mentre la sezione allestita nell’attiguo Spazio Officina, presenterà - dal 7 ottobre al 9 dicembre 2018 - dodici tra le più iconiche auto d’epoca, dalla Prinetti & Stucchi del 1899, alla Iso Rivolta Vision del 2017, dalla Bugatti T 35 del 1925 alla Pagani Huayra Coupé del 2016, dall’Alfa Romeo SS Villa d’Este del 1952 alla De Tomaso Pantera GTS del 1974, dalla Lancia Astura del 1933 alla Lamborghini 400 GT del 1966, dalla Ferrari 275 GTB del 1965 all’Alfa Romeo V6 Vittoria del 1995.
Accompagna la mostra un catalogo (Éditions d’Art Albert Skira, Ginevra, 2018 - bilingue italiano/inglese), con i contributi di Maria Canella, Marta Mazza, Mario Piazza, Nicoletta Ossanna Cavadini, Paola Masetta e Ilaria Pani, Marco Turinetto, Uberto Pietra.
L’esposizione, promossa in collaborazione con il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, la Raccolta Bertarelli del Castello Sforzesco di Milano e la Collezione Salce di Treviso, e importanti collezioni private fra cui quella di Alessandro Bellenda Galleria L’Image di Alassio e Salvatore Galati, col patrocinio del Consolato Generale d’Italia di Lugano, è resa possibile grazie al Dicastero Educazione e Attività culturali del Comune di Chiasso, con il sostegno della Repubblica e Cantone Ticino-Fondo Swisslos, di AGE SA e di aamm-associazione amici del m.a.x. museo.
Chiasso (Svizzera), settembre 2018



AUTO CHE PASSIONE!
Interazione fra grafica e design
m.a.x. museo (Via Dante Alighieri 6), Chiasso (Svizzera)
7 ottobre 2018 - 27 gennaio 2019

Inaugurazione: sabato 6 ottobre 2018, ore 18.00

Orari
martedì–domenica, ore 10.00–12.00 e 14.00–18.00
lunedì chiuso

Ingresso
Intero: CHF/Euro 10.-
Ridotto: CHF/Euro 7.- (AVS/AI, over 65 anni, studenti, FAI SWISS, FAI, TCS, TCI, convenzionati) Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 5.-
Metà prezzo: Chiasso Card Gratuito: bambini fino a 7 anni, Aiap, associazione amici del m.a.x. museo, giornalisti, ICOM, Passaporto Musei Svizzeri, Visarte

Entrata gratuita: ogni prima domenica del mese

Parcheggio gratuito
presso il Centro Ovale di Chiasso (livello -1), 4 minuti a piedi dal m.a.x. museo, su presentazione del ticket del parcheggio al m.a.x. museo.

Informazioni
t +41 58 122 42 52


Ufficio stampa Italia
CLP Relazioni Pubbliche, Milano
Anna Defrancesco | T.+39 02 367 55 700, M. +39 349 61 07 625


Comunicato e immagini su www.clp1968.it

sabato 19 gennaio 2019

Natalia Magni

TEATRO E CINEMA IL PROSSIMO FINE SETTIMANA A FERRARA OFF

Sabato 19 gennaio alle ore 21.00 in programma a Ferrara Off (viale Alfonso I d’Este 13) ‘Anima Ardente’ di Elena Carloni con Natalia Magni. L’attrice darà voce a due figure femminili vissute in epoche storiche diverse ma accomunate dallo stesso destino. Il fil rouge che unisce Isabella di Morra, vissuta in Lucania nel XVI secolo, e Nadia Anjuman morta a Herat, Afghanistan nel 2005 è quello tessuto dalla loro comune forza: il filo delle parole e della poesia. Entrambe queste donne, infatti, pur vissute in contesti ed epoche diversissime, hanno pagato con la vita il loro essere poetesse. 
Domenica 20 gennaio la stessa attrice porterà in scena alle ore 17.30 ‘ Il Gioco degli Dèi’, terzo appuntamento della stagione di Teatro Ragazzi, che vedrà Natalia Magni, percorrere un viaggio dentro gli ultimi sei libri dell’Eneide, per riscoprirne la forza drammatica e la sorprendente attualità. Consigliato dai 10 anni in su. Alle ore 21.00 invece, primo appuntamento della rassegna di Mondovisioni – I documentari di Internazionale con ‘Under The Wire’ di Chris Martin. La rassegna è organizzata dal Comune di Ferrara in collaborazione con Agire Sociale, Gruppo giovani di Amnesty International Ferrara, Cgil, Cittadini del mondo, Emmaus, Ferrara Off, Ibo, Intercultura, Movimento Nonviolento, U.P. Borgovado, Pax Christi, Segnidipace.
L’ingresso allo spettacolo ‘Anima Ardente’ è di 10 € per i soci Ferrara Off, 8 € soci under30, 6 € per gli studenti Unife, 5 € soci under18, 12 € non soci (inclusa tessera associativa 2018/19). L’ingresso all’appuntamento di Teatro Ragazzi ‘Il Gioco degli Dèi’ è di 8 € soci Ferrara Off, 5 € soci under30, 5 € per gli studenti Unife, 10 € non soci (inclusa tessera associativa 2018/19). L’ingresso alla rassegna Mondovisioni – i documentari di Internazionale è di 3 €.
Per gli spettacoli è consigliata la prenotazione. Maggiori informazioni su www.ferraraoff.it o chiamando il numero 333.6282360. 
 





giovedì 17 gennaio 2019

Art city cinema

Prima visione
Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità
Vice - L'uomo nell'ombra
Capri-Revolution
Roma
Santiago, Italia

Incontri
Pif, Marco Tullio Giordana, Toni Servillo

Il Cinema Ritrovato al cinema
Gli uccelli
In rassegna
Domenica matinée - I(n)soliti ignoti
7 ritratti di musicisti
Art City Cinema
Giorgio Treves presenta 1938 - Diversi

Schermi e Lavagne
Cineclub per bambini e ragazzi
Cinenido - Visioni disturbate
Prima visione
Cinema Lumière e DAMSLab
fino a mercoledì 23 gennaio

Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità
(Van Gogh - At Eternity's Gate, USA/2018) di Julian Schnabel (110')
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line


A oltre vent'anni da Basquiat, il regista e pittore Julian Schnabel torna a comporre un ritratto d'artista raccontando gli ultimi giorni della vita di Vincent van Gogh. Il soggiorno ad Arles, il ricovero nell'ospedale psichiatrico, il rapporto con il fratello Theo e con l'amico e collega Paul Gauguin. E, soprattutto, la pittura e la natura, vero cuore di un film che "gioca le sue carte migliori nel restituire la forza visionaria con cui dipingere la natura" (Paolo Mereghetti). Coppa Volpi all'ultima Mostra di Venezia per Willem Dafoe.
Leggi di più
DAMSLab
fino a mercoledì 23 gennaio

Vice - L'uomo nell'ombra
(Vice, USA/2018) di Adam McKay (132')
Versione originale con sottotitoli italiani. Prevendita on-line


Da operaio elettrico del rurale Wyoming a uomo più potente del pianeta. Uno sguardo audace, inedito e non convenzionale sull'ascesa al potere dell'ex vicepresidente Dick Cheney, uno dei leader più influenti degli ultimi cinquant'anni. All'interno del cast stellare, spicca Christian Bale (ingrassato ad hoc di una trentina di chili per interpretare Cheney), premiato ai Golden Globe come migliore interprete.
Leggi di più
Sala Cervi
fino a mercoledì 23 gennaio

Capri-Revolution
(Italia/2018) di Mario Martone (122’)
Prevendita on-line

Alla vigilia della Prima guerra mondiale un gruppo d’artisti e intellettuali nordeuropei fonda una comune sull’isola di Capri per portare avanti la propria ricerca sulla vita e sull’arte. Al gruppo s’avvicina anche la giovane pastorella Lucia. Sullo sfondo di paesaggi arcadici, tra dialoghi politici e filosofici, danza moderna, spiritualismo, naturismo, Mario Martone racconta una summer of love ante litteram e, dopo Noi credevamo e Il giovane favoloso, “cerca ancora una volta di avvicinarsi alle regioni della poesia e dell'utopia” (Emiliano Morreale).
Leggi di più
Cinema Lumière
fino a mercoledì 23 gennaio
Roma
(Messico/2017) di Alfonso Cuarón (135')
V.o. con sott. italiani. Prevendita on-line >>>
Sala Cervi
fino a mercoledì 23 gennaio
Santiago, Italia
(Italia/2018) di Nanni Moretti (80')
Prevendita on-line >>>
Incontri
Biblioteca Renzo Renzi - sabato 19 gennaio
Pif presenta ... che Dio perdona a tutti
Pif torna in Cineteca per presentare il suo primo romanzo, ...che Dio perdona a tutti (Feltrinelli 2018), storia di un agente immobiliare con una smodata passione per i dolci che s'innamora perdutamente di una ragazza molto cattolica. Moderano Gian Luca Farinelli ed Emanuela Giampaoli. In collaborazione con Librerie.Coop e Giangiacomo Feltrinelli Editore.
Leggi di più
Cinema Lumière - mercoledì 23 gennaio
Marco Tullio Giordana introduce Questi fantasmi

In occasione dello spettacolo Questi fantasmi! di Eduardo De Filippo, portato in scena da Marco Tullio Giordana all'Arena del Sole dal 24 al 27 gennaio 2019, il regista incontrerà il pubblico del Lumière al termine della proiezione dell'omonimo film che lo stesso De Filippo trasse nel 1954 dalla sua commedia.
Leggi di più
Cinema Lumière - mercoledì 23 gennaio
Toni Servillo presenta Il teatro al lavoro
Un docufilm girato dietro le quinte della creazione di Elvira, lo spettacolo dI Toni Servillo prodotto con il Piccolo Teatro di Milano, tratto dalle lezioni di Louis Jouvet al conservatorio d'arte drammatica di Parigi nel 1940. Un percorso artistico ma soprattutto un'"avventura umana", come l'ha definita Servillo,  che incontrerà il pubblico in sala al termine della proiezione. Aperta la prevendita.
Leggi di più
Il Cinema Ritrovato al cinema
A gennaio nelle sale italiane - Al Lumière, tutti i lunedì e martedì
Gli uccelli
(The Birds, USA/1963) di Alfred Hitchcock (119')
Versione originale con sottotitoli italiani
Per tutti coloro, e non sono pochi, che serbano memoria degli Uccelli come del più spaventoso di tutti i film, questa edizione restaurata del capolavoro di Hitchcock è imperdibile. L’ingannevole azzurro di Bodega Bay, i bagliori platino della chioma di Tippi Hedren, il pentagramma stridulo di quelle ali nere, sempre più numerose, sempre più minacciose; e poi solo loro, gli uccelli, divenuti l’unica cosa visibile, l’unica pensabile, l’unico destino. C’è chi ci ha visto un’allegoria della rivoluzione. O più cupamente, della condizione umana. Certo tocca corde profonde, se da cinquant’anni guardiamo con qualche apprensione ogni filo elettrico su cui pennuti si dispongono in fila.
Leggi di più
In rassegna
Cinema Lumière - dal 16 gennaio al 4 febbraio
Art City Cinema
In occasione della quarantaduesima edizione di Arte Fiera, un percorso di visioni per indagare le feconde intersezioni tra cinema e arte. Si parte con la sezione Agonia ed estasi: le arti sullo schermo, che propone film dedicati alla gioia e all'angoscia del processo creativo: inaugurazione mercoledì 16, alla presenza del curatore Ehsan Khoshbakht, con un programma-prologo dedicato all'idea di 'ispirazione' e con Il sole della mela cotogna di Victor Erice, che ricostruisce la vita del pittore e scultore spagnolo Antonio López. Entreremo poi negli atelier di Picasso e André Masson e in quello dei giovani protagonisti del brillante The Most Beautiful Age di Jaroslav Papousek. Venerdì 18 un programma dedicato a Paul Cézanne a centottant’anni dalla nascita.
Leggi di più
Cinema Lumière - domenica 20 gennaio
Domenica matinée
I(n)soliti ignoti. Nuovi protagonisti del cinema italiano
Proseguono le matinée domenicali (colazione del forno Brisa inclusa!) con le migliori opere prime e seconde italiane dell’anno appena trascorso, che ci accompagneranno fino alla prossima edizione di Visioni Italiane, al via il 27 febbraio.  Secondo appuntamento con Euforia di Valeria Golino, storia di due fratelli agli antipodi interpretati da Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio.
Leggi di più
Cinema Lumière - martedì 22 gennaio
Giorgio Treves presenta 1938 - Diversi
Una storia e una documentata riflessione sulle leggi razziali in Italia, a partire dallo sciagurato Manifesto sulla razza del 14 luglio 1938. "Risalendo il tempo, ripercorrendo le pagine ignobili della nostra storia [...], il regista disegna il profilo di un paese ‘inedito' con cui dobbiamo ancora fare i conti" (Marzia Gandolfi).
Leggi di più
Cinema Lumière - fino al 20 gennaio
7 ritratti di musicisti
Si conclude la nostra serie di ritratti di grandi musicisti. In Heart of a Dog Laurie Anderson piange con accordi sommessi la morte del suo cane e chiama a raccolta le perdite d’una vita. Neil Young Journeys, terzo capitolo della trilogia di Jonathan Demme dedicata al rocker canadese, e Amy - The Girl Behind the Name, sulla tormentata storia di Amy Winehouse. Chiude lo storico Quadrophenia, british graffiti firmato Who.
Leggi di più